Chiudi   

ATEX


Cos'è ATEX?

Il termine ATEX è un sinonimo molto usato per le direttive sulla protezione dalle esplosioni nell'Unione Europea. La direttiva comprende attualmente le seguenti due direttive nel campo della protezione dalle esplosioni:

  • direttiva prodotto 2014/34/UE
  • direttiva operativa 1999/92/CE


COSA SIGNIFICA ATEX?

La parola ATEX deriva dal francese "ATmospheres EXplosibles" ed è anche un'importante linea guida nel campo della protezione di persone e attrezzature in atmosfere potenzialmente esplosive.

Che aspetto ha il logo ATEX?

Il logo esagonale ATEX con le lettere E e X sarà posto sull'attrezzatura insieme ad altre marcature dell'attrezzatura dopo che è stata completata la convalida di conformità. Il simbolo ATEX prova due condizioni:

  • Un tipo è stato testato all'interno dell'UE da un organismo di valutazione della conformità.
  • Il test unitario ha mostrato che il tipo e il dispositivo corrispondono.

ATEX Logo



Quali sono le direttive ATEX più conosciute?

Al fine di prevenire i rischi di esplosione, ci sono corrispondenti norme di protezione sotto forma di leggi, regolamenti e standard che hanno lo scopo di garantire un alto livello di sicurezza. L'UE ha creato la direttiva ATEX con l'attuale direttiva di prodotto 2014/34/UE. Questa direttiva sulla protezione dalle esplosioni, che deriva dalla francese atmosphère explosible, ha standardizzato le più diverse regolamentazioni precedentemente esistenti. Oltre alla direttiva di prodotto 2014/34/UE (rivolta ai produttori di prodotti), c'è anche la direttiva operativa 1999/92/CE (rivolta ai requisiti per gli utenti). Entrambe le direttive ATEX sulla protezione dalle esplosioni sono state


DIRETTIVA DI PRODOTTO ATEX 2014/34/UE

Nel 1994, la direttiva sui prodotti 94/9/CE è stata pubblicata per la prima volta. L'obiettivo di questa direttiva ATEX era quello di realizzare un "ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri europei relative agli apparecchi e sistemi di protezione destinati ad essere utilizzati in atmosfere potenzialmente esplosive". Inizialmente, questa direttiva sulla protezione dalle esplosioni aveva il titolo di lavoro ATEX 100a, poiché si basava sull'articolo 100a del primo trattato che istituisce la Comunità europea. A causa della successiva rinumerazione del trattato, questa denominazione è cambiata e la direttiva di prodotto ha preso il nome di ATEX 95. Nel 2014 è stata sostituita dalla direttiva di prodotto 2014/34/UE nel corso dell'"armonizzazione delle disposizioni legali degli stati membri per gli apparecchi e sistemi di protezione da utilizzare in atmosfere potenzialmente esplosive" ed è sempre stata valida in modo vincolante in tutti gli stati membri dell'UE e quindi ha carattere di legge.


ATEX 100a = ATEX 95 = Direttiva prodotti 94/9/CE = 2014/34/UE

La direttiva di prodotto ATEX 95 copre tutte le apparecchiature che hanno una propria fonte potenziale di accensione e che possono quindi causare una possibile esplosione.

I sistemi di protezione o i dispositivi di protezione che sono destinati a prevenire o contenere un'esplosione e che funzionano come un'unità autonoma separata sono anche coperti da questa direttiva ATEX sui prodotti. I componenti che sono necessari per il funzionamento sicuro degli apparecchi e dei sistemi di protezione ma che non costituiscono un'unità funzionante autonoma, come cuscinetti a sfera, giunti, condensatori o batterie, sono anch'essi soggetti a questa direttiva. La direttiva di prodotto ATEX 95 si applica a tutti gli apparecchi elettrici, non elettrici e meccanici utilizzati in atmosfere potenzialmente esplosive, così come agli stessi apparecchi e sistemi di protezione situati al di fuori delle atmosfere potenzialmente esplosive, ma che devono garantire un funzionamento sicuro per la protezione dalle esplosioni.


DIRETTIVA OPERATIVA 1999/92/CE

La direttiva ATEX si concentra sull'utente della macchina, del sistema o del dispositivo. La linea operativa è derivata dalle precedenti direttive sulla protezione dalle esplosioni ATEX 118a o ATEX 137.

ATEX 118a = ATEX 137 = Direttiva operativa 1999/92/CE

Si basa sull'articolo 153 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea (TFUE) e mira a prendere in considerazione e migliorare la sicurezza sul lavoro e la protezione della salute dei lavoratori che sono a rischio di atmosfere esplosive sul posto di lavoro.


MISURE DI PROTEZIONE ATEX

Al fine di stabilire le misure di protezione e di scegliere i mezzi di protezione per la protezione del lavoratore secondo ATEX, l'operatore prende in considerazione i seguenti punti nella valutazione dei rischi relativi alle atmosfere esplosive:

  • Requisiti minimi per migliorare la protezione della sicurezza e della salute dei lavoratori che possono essere messi in pericolo da atmosfere esplosive e criteri per la scelta degli apparecchi e dei sistemi di protezione.
  • La probabilità, la durata e la valutazione del verificarsi di atmosfere esplosive, comprese le misure preventive e protettive contro le esplosioni.
  • La probabilità della presenza, dell'attivazione e dell'efficacia delle fonti di accensione, comprese le scariche elettrostatiche.
  • L'installazione, le sostanze utilizzate, il processo e le loro possibili interazioni.
  • La classificazione delle aree (zone ATEX) in cui possono essere presenti atmosfere esplosive.
  • Segnali di avvertimento per identificare le aree in cui possono formarsi atmosfere esplosive.
  • La misura in cui ci si può aspettare che si verifichi un'esplosione.
  • Obbligo di coordinamento.
  • Preparazione di un documento sulla protezione dalle esplosioni.


MARCATURA DEI DISPOSITIVI ATEX

La direttiva sui prodotti 2014/34/UE specifica non solo i requisiti essenziali di salute e sicurezza, ma anche la procedura di valutazione della conformità per prodotti e apparecchiature che possono essere utilizzati in atmosfere potenzialmente esplosive. Tutti gli apparecchi, i sistemi di protezione e gli impianti che rientrano in questa direttiva sui prodotti ATEX e che sono immessi sul mercato devono quindi essere contrassegnati come segue:

  • Nome e indirizzo del produttore.
  • Marchio CE e, in caso, numero di identificazione dell'organismo notificato coinvolto.
  • Designazione e tipo di serie.
  • Numero di serie o numero di fabbricazione.
  • Anno di fabbricazione.
  • Gruppo e categoria dell'attrezzatura.

Inoltre, il prodotto deve avere una dichiarazione di conformità UE, che descrive le procedure per i requisiti di salute e sicurezza richiesti ATEX e se questi potrebbero essere soddisfatti nel corso del test di conformità. Inoltre, il prodotto deve essere accompagnato da istruzioni per l'uso.


DIFFERENZE TRA LA DIRETTIVA SUL PRODOTTI 2014/34/UE E LA DIRETTIVA SUL FUNZIONAMENTO 1999/94/CE

Direttiva di prodotto 2014/34/UE (ATEX 95)Direttiva operativa 1999/94/CE (ATEX137)
Fissa i requisiti per i produttoriStabilisce i requisiti per gli utenti
Classificazione della categoria ATEXClassificazione della zona ATEX
Analisi dei rischi e delle fonti di accensione delle attrezzatureAnalisi delle aree pericolose delle aree operative
Dichiarazione di conformitàDocumento sulla protezione dalle esplosioni


Per quali industrie è importante ATEX?

Le applicazioni ATEX (compresi i dispositivi di segnalazione antideflagranti) sono importanti per tutti i settori e le industrie in cui possono presentarsi sostanze infiammabili.

Nell'industria petrolchimica o chimica, vengono lavorate sostanze infiammabili come gas o liquidi. Questi sono altamente infiammabili e non devono causare un'esplosione in caso di emergenza o di malfunzionamento dovuto all'uso di un dispositivo di segnalazione.

Nelle industrie metallurgiche, le polveri metalliche esplosive sono generate durante la lavorazione delle materie prime, specialmente durante il trattamento dei metalli leggeri. Anche qui, è essenziale utilizzare applicazioni ATEX.

Anche le raffinerie, come quelle di petrolio o le bioraffinerie, possono generare atmosfere esplosive. Durante la lavorazione delle materie prime, possono fuoriuscire, tra le altre cose, biogas o idrocarburi esplosivi, trasformando l'ambiente in un'atmosfera potenzialmente esplosiva.

Ma anche in altre industrie si raccomandano applicazioni ATEX, come la lavorazione del legno, poiché durante la lavorazione si creano miscele di polveri infiammabili che possono provocare un'esplosione in caso di emergenza.


Per quali prodotti è importante l'ATEX?

ATEX è particolarmente importante per quei prodotti che vengono utilizzati in atmosfere potenzialmente esplosive e che hanno una potenziale fonte di accensione. Questo crea il rischio di una possibile esplosione. Inoltre, sono interessati quei prodotti che, singolarmente o in combinazione, sono destinati alla generazione, trasmissione, immagazzinamento, misurazione, controllo e conversione di energia e alla lavorazione dei materiali.

La direttiva ATEX per i prodotti copre non solo le apparecchiature, ma anche i componenti e i sistemi di protezione. I prodotti includono, ad esempio, macchinari (ad esempio, riempitrici e vagliatrici), motori e sistemi di allarme (ad esempio, dispositivi di segnalazione ottica e acustica) o applicazioni speciali per un armadio di controllo ATEX.


Quali sono le classificazioni di protezione dalle esplosioni?

Per una certificazione ATEX finale di un dispositivo, è necessario che il fabbricante esegua una valutazione obbligatoria dei rischi di accensione che possono essere assunti dal suo dispositivo. Una volta completata la valutazione, il produttore classifica l'attrezzatura in categorie predefinite.


QUALI SONO LE CATEGORIE ATEX?

La classificazione è fatta secondo la Direttiva Prodotti 2014/34/UE ed è divisa secondo la zona pericolosa e il gruppo e la categoria dell'attrezzatura. Ci sono due gruppi di dispositivi all'interno delle categorie ATEX: Gruppo I e Gruppo II.

ATEX Explosion Group I categorizza tutte le attrezzature utilizzate nelle miniere o nei lavori sotterranei e le loro installazioni di superficie che possono essere messe in pericolo dai gas di miniera e/o dalle polveri combustibili.

Il gruppo di esplosione ATEX II si applica alle apparecchiature per l'uso in tutte le altre aree minacciate da un'atmosfera esplosiva. Questi possono essere, per esempio, piattaforme di perforazione, raffinerie o impianti chimici e farmaceutici.

Inoltre, i gruppi di esplosione ATEX sono suddivisi in base alla frequenza di comparsa di un'atmosfera esplosiva. All'interno del gruppo I, ci sono altre sottocategorie 1 e 2. Il gruppo II ha sottocategorie 1, 2 e 3, con la sottocategoria 1 che ha un livello di sicurezza molto alto (rischio costante di formazione di un'atmosfera esplosiva) e la sottocategoria 3 che ha un livello di sicurezza normale (rischio raro di formazione di un'atmosfera esplosiva).

A seconda della categoria ATEX e del livello di sicurezza, deve essere effettuato un esame UE del tipo e una garanzia di qualità della produzione o prove individuali, o per la categoria 3, deve essere dimostrato solo un controllo interno della produzione.

La seguente tabella mostra i pericoli di accensione per il gruppo di apparecchiature II:

Categoria di attrezzature ATEX Fonti di accensione nel dispositivo/macchina/impianto
Categoria 1Nessuna fonte di accensione, anche in caso di rari e imprevisti difetti di funzionamento. Questa categoria si applica anche ai sistemi di protezione.
Categoria 2Nessuna fonte di accensione, anche durante i normali difetti di funzionamento previsti.
Categoria 3Nessuna fonte di accensione durante il normale funzionamento.

A seconda del tipo di atmosfera potenzialmente esplosiva, le categorie di apparecchiature ATEX sono ulteriormente contrassegnate da una lettera di identificazione. Così, da un lato, per le attrezzature di categoria II, la zona pericolosa per gas, vapori o nebbie è contrassegnata dalla lettera "D" e, dall'altro, la zona pericolosa per le polveri è contrassegnata dalla lettera "G" sotto la categoria dell'attrezzatura. Per le apparecchiature nel gruppo di esplosione ATEX I, la lettera di codice "M" è usata per il metano. Così, per le categorie di apparecchiature ATEX, ulteriori dettagli possono essere forniti nella seguente tabella:

PericoloCategoria ATEX

Rischio

Gas, vapori o nebbie1GContinuo, frequente o di lunga durata
Gas, vapori o nebbie1G o 2GOccasionale
Gas, vapori o nebbie1G o 2G o 3GRaramente; se presenti, solo per breve tempo
Polvere1DCostante, frequente o di lunga durata
Polvere1D or 2DOccasionale
Polvere1D or 2D or 3DRaramente; se si verifica, è solo per un breve periodo
MetanoM1 o M2Minería

In ogni stato membro dell'UE, ci sono uno o più organismi notificati che possono ispezionare o eseguire in modo indipendente i requisiti o le procedure pertinenti del dispositivo per dimostrare la conformità alla direttiva ATEX 2014/34/UE sui prodotti. In caso di conformità alle disposizioni della direttiva sui prodotti, viene quindi rilasciato un certificato di esame UE del tipo.

Una volta che il dispositivo ha superato la procedura di valutazione della conformità e tutti i requisiti per l'apposizione del marchio CE sono stati soddisfatti, può essere immesso con successo sul mercato.


QUALI SONO LE CLASSIFICAZIONI DELLE ZONE ATEX?

Oltre alla classificazione in categorie, c'è anche una classificazione in zone. Secondo la direttiva sui prodotti ATEX 2014/34/UE, un'atmosfera potenzialmente esplosiva è definita come una stanza o un'area che può diventare esplosiva a causa delle condizioni locali e/o operative prevalenti nell'atmosfera. Un'atmosfera esplosiva è creata dalla miscelazione dell'aria con gas, vapori, nebbie o polveri infiammabili in condizioni atmosferiche, in cui il processo di combustione è trasferito a tutta la miscela non bruciata dopo l'accensione.

La direttiva operativa 1999/94/CE o ATEX 137 regola la divisione degli impianti in cui può formarsi un'atmosfera esplosiva in zone individualmente a rischio. Al contrario, la direttiva di prodotto 2014/34/UE o ATEX 95, invece, contiene una divisione delle apparecchiature in gruppi e categorie. Questa combinazione determina quali gruppi e categorie di apparecchiature possono essere utilizzati in quale zona. La classificazione delle aree si basa sulla frequenza e la durata della comparsa di atmosfere esplosive e comprende gas, vapori o nebbie, nonché il concetto di tre zone per le polveri.

Per le aree a rischio di esplosione a causa di gas, vapori o nebbie infiammabili o combustibili, si applicano le seguenti classificazioni di zone ATEX secondo l'ordinanza sulle sostanze pericolose:

Zona ATEXIgnition sources on/in the device/machine/plant
Zona 0Luoghi in cui un'atmosfera esplosiva costituita da una miscela di aria e sostanze infiammabili sotto forma di gas, vapore o nebbia è presente in modo continuo, frequente o per lunghi periodi
Zona 1Luoghi in cui un'atmosfera esplosiva costituita da una miscela di sostanze infiammabili sotto forma di gas, vapori o nebbie con aria è presente solo occasionalmente durante il normale funzionamento
Zona 2Luoghi in cui un'atmosfera esplosiva costituita da una miscela con l'aria di sostanze infiammabili sotto forma di gas, vapori o nebbie non è probabile che si verifichi durante il normale funzionamento ma, se si verifica, persiste solo per un breve periodo.

Le seguenti classificazioni di zone ATEX si applicano alle aree a rischio di esplosione a causa di polveri combustibili secondo l'ordinanza sulle sostanze pericolose:

Zona ATEXGrado di pericolo in caso di polveri combustibili
Zona 20Un luogo in cui un'atmosfera esplosiva sotto forma di una nuvola di polvere combustibile nell'aria è presente continuamente, frequentemente o per lunghi periodi.
Zona 21Luoghi in cui un'atmosfera esplosiva sotto forma di una nuvola di polvere combustibile nell'aria è presente solo occasionalmente durante il normale funzionamento.
Zona 22Luoghi in cui un'atmosfera esplosiva sotto forma di una nuvola di polvere combustibile nell'aria non è probabile che si verifichi durante il normale funzionamento ma, se si verifica, persiste solo per un breve periodo.

Nel sistema nordamericano della "Divisione", vengono definite solo due probabilità di miscele infiammabili:

  • Divisione 1 (paragonabile alla zona 0 e 1 di ATEX).I gas, i vapori o le particelle di polvere infiammabili si presentano in modo permanente o solo intermittente durante il funzionamento normale.
  • Divisione 2 (paragonabile alla Zona 2 di ATEX)È improbabile che le miscele infiammabili si verifichino durante il funzionamento normale (raramente e se è così, solo per un breve periodo).


Quali tipi di protezione contro l'accensione esistono?

I tipi di protezione antincendio sono utilizzati per prevenire l'accensione in ambienti con atmosfere esplosive, impedendo loro di assumere temperature inaccettabilmente elevate. Le classi di temperatura ATEX e la massima temperatura superficiale ammissibile dell'attrezzatura sono definite secondo CENELEC/IEC/NEC 505 e NEC 500.

A seconda del campo di applicazione ATEX, i tipi di protezione contro l'accensione degli apparecchi elettrici e non elettrici protetti contro le esplosioni sono classificati secondo la norma DIN 60079. Come nella suddivisione in zone ATEX, qui si fa una distinzione tra zone a rischio di esplosione di gas e polveri. I tipi di protezione per le apparecchiature non elettriche sono definiti nelle norme della serie DIN EN 13463 e DIN EN ISO 80079. La corretta designazione di un dispositivo protetto contro le esplosioni è anche spiegata con la relativa spiegazione delle singole abbreviazioni.

I vari tipi di protezione contro l'accensione sono mostrati in forma di tabella qui sotto.

Download


Come viene certificata l'attrezzatura ATEX?

Affinché il produttore sia autorizzato a distribuire l'attrezzatura secondo la direttiva di prodotto ATEX, deve prima sottoporsi a una procedura di valutazione della conformità con i regolamenti, le norme e le direttive associate. Questa procedura è necessaria per la certificazione ATEX secondo le direttive ATEX.


CERTIFICAZIONE ATEX

Prima di tutto, il produttore deve sapere quale procedura di certificazione si applica a lui o al prodotto, poiché questo dipenderà dalla zona particolare in cui il prodotto deve essere utilizzato. La categoria dell'attrezzatura ATEX è anche un fattore importante nella procedura di valutazione della conformità.

Questo si traduce nelle seguenti possibilità di certificazione ATEX:

  • Per i prodotti della categoria 3 delle apparecchiature ATEX, la conformità ATEX può essere dichiarata dal produttore sotto la propria responsabilità in conformità con il "Controllo interno della produzione secondo l'allegato VIII" della direttiva.
  • Per i prodotti della categoria 2 delle apparecchiature ATEX, si fa una distinzione tra prodotti elettrici e non elettrici.

I prodotti elettrici devono essere testati da un organismo notificato. Inoltre, il fabbricante deve far ispezionare il processo di fabbricazione del dispositivo protetto contro le esplosioni dall'organismo notificato.

Se invece si tratta di un prodotto non elettrico, il fabbricante è obbligato a conservare la documentazione tecnica presso un organismo notificato per almeno 10 anni e ad effettuare il "controllo interno della produzione secondo l'allegato VIII" della direttiva ATEX sotto la sua responsabilità.

  • Per i prodotti della categoria di apparecchi 1, si applicano gli stessi requisiti per la procedura di approvazione dei prodotti elettrici della categoria di apparecchi ATEX 2: test del prodotto da parte di un organismo notificato con monitoraggio del processo di fabbricazione.

Come prova della conformità del suo prodotto da parte di un organismo notificato, il produttore riceve un certificato che serve come prova di conformità. Grazie a questo certificato, il produttore ha accesso ai mercati mondiali e ottiene così dei vantaggi competitivi. Standard definiti e protocolli di prova uniformi permettono di ridurre il tempo per l'approvazione ATEX e i costi associati all'introduzione sul mercato.
Una volta che la convalida di conformità è stata completata, l'attrezzatura può essere contrassegnata con il logo ATEX.


Cos'è IECEx?

IECEx, come ATEX, è una procedura internazionale per la certificazione delle apparecchiature elettriche utilizzate in atmosfere potenzialmente esplosive. IECEx sta per "International Electrotechnical Commission System for Certification to Standards Relating to Equipment for Use in Explosive Atmospheres" o "Procedura internazionale per la certificazione del materiale elettrico utilizzato in aree pericolose".

Gli obiettivi della procedura IECEx della IEC (International Electrotechnical Commission) sono di facilitare il commercio internazionale di apparecchiature e servizi per l'uso in atmosfere potenzialmente esplosive, armonizzando gli standard e mantenendo il livello di sicurezza richiesto.

Il sistema IECEx facilita l'accesso ai mercati internazionali poiché il certificato è riconosciuto in tutti i paesi partecipanti dopo un periodo di transizione. Simile ad ATEX, IECEx ha regolamenti che classificano gli ambienti in determinate classi di pericolo. Le tre norme seguenti sono autorevoli:

  • IEC 80079-0
  • IEC 80079-18
  • IEC 80079-31.

Dopo il test del dispositivo e l'accettazione del sistema di garanzia della qualità (QAR) implementato, viene rilasciato un certificato di conformità (CoC, Certificate of Conformity) per il produttore. Durante il periodo di transizione, i rapporti di prova emessi, i cosiddetti ExTR (Explosion Protection Test Reports) possono essere usati come base per le certificazioni nazionali richieste. Come per ATEX, anche i certificati per IECEx sono rilasciati da enti di certificazione esterni.

Back Arrow

Ulteriori informazioni tecniche:

Dispositivi di Segnalazione Visiva

Dispositivi di Segnalazione Sonora